Kairòs è tempo divino, tempo cruciale.

E' l'ambiente naturale nel quale siamo immersi.
Al contrario di Kronos, è un momento non misurabile
in cui qualcosa di speciale accade,

la sfumatura trascurabile per cui l'azione diventa autonoma.

ANNA PALUMBO

balafon, sanza, fisarmonica,

percussioni, voce

 

MARCO ZANOTTI

kamalen'goni, percussioni, loop, mbira, zefiro

 

ELISA RIDOLFI

voce, percussioni

Al momento opportuno, sono Kairòs anche:

TIM TREVOR-BRISCOE (clarinetti e sax), GIANNI PERINELLI  (suono e sax)

chi sei tu?

Il tempo che sottomette ogni cosa

Perché stai in punta di piedi?

Sto sempre correndo

E perché hai un paio di ali ai piedi?

Io volo nel vento

E perché tieni un rasoio nella mano destra?

Come segnale agli uomini, del fatto che io sono più affilato che qualsiasi altro bordo

E perché i capelli ti scendono sulla faccia?

Perché chi m’incontra mi acciuffi

E perché, in nome del cielo, il retro della tua testa è rasato?

Perché nessuno mi prenderà ora da dietro

 

Kairòs è un concerto dalle tante sfumature possibili dove le composizioni sono al servizio dell'azione del momento.

Zanotti, Palumbo e Trevor-Briscoe suonano strumenti acustici provenienti da luoghi vicini e lontani, dialogando con la voce di Elisa Ridolfi in un linguaggio rituale affinato dopo anni di palchi e musiche condivise. Parte del repertorio è tratto dall'ultima produzione della Classica Orchestra Afrobeat POLYPHONIE.

 

ANNA PALUMBO

balafon, sanza, fisarmonica, percussioni, voce

 

MARCO ZANOTTI

kamalen'goni, percussioni, zefiro

ELISA RIDOLFI

voce, percussioni

 

TIM TREVOR-BRISCOE

clarinetto, clarinetto basso, sax

 

GIANNI PERINELLI

suono, sax baritono